Menu secondario

.,

Diritto al'Ambiente

incendi colposi e tenuità del fatto - Santoloci 30-07-2015

diritto all'ambiente

Il rischio di un benevolo “condono silente permanente” per i responsabili di incendi boschivi colposi

Incendi boschivi colposi, “particolare tenuità del fatto” e rischio di sottovalutazione di un delitto comunque devastante per l’ambiente naturale e l’incolumità pubblica

A cura del Dott. Maurizio Santoloci  

ricatto occupazionale - Santoloci 27-07-2015

diritto all'ambiente

Un silente male endemico del nostro Paese

Inquinamento diffuso, danni alla salute pubblica, ricatti occupazionali e costrizione alla scelta tra lavoro e salute

Editoriale a cura del Dott. Maurizio Santoloci

abolizione del CFS: ci stanno provando dal 1984 ... - Santoloci 17-07-2015

diritto all'ambiente
Una “progetto” storico mai sopito
“Abolizione” del Corpo Forestale dello Stato: ci stanno provando dal 1984…
A cura del Dott. Maurizio Santoloci

accorpamento CFS - Santoloci 01-07-2015

Diritto all'ambiente

L’incredibile progetto di far scomparire - in un sol colpo - Corpo Forestale dello Stato e Polizie Provinciali
Approvati i (discutibili) “ecoreati”, cancelliamo chi deve operare i controlli sul territorio per i reati ambientali…
Editoriale a cura del Dott. Maurizio Santoloci

novità “produttore di rifiuti” e “deposito temporaneo” - Vattani 10-07-2015

diritto all'ambiente

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legge 4 luglio 2015 n. 92
Misure urgenti in materia di rifiuti e di autorizzazione integrata ambientale, nonché per l’esercizio dell’attività di impresa di stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale
Le novità relative alla nozione di “produttore di rifiuti” e “deposito temporaneo”
A cura della Dott.ssa Valentina Vattani

prime riflessioni sulla legge per gli ecoreati - Santoloci Vattani 01-06-2015

diritto all'ambiente

Il termine “abusivamente” nel nuovo delitto di “disastro ambientale”: violazione di un principio generale o di una autorizzazione amministrativa specifica?
A cura del Dott. Maurizio Santoloci e Dott.ssa Valentina Vattani
Il provvedimento sui delitti contro l’ambiente ormai è legge vigente. Infatti la legge 22 maggio 2015, n. 68 (recante “Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente” ) è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 122 del 28 maggio 2015 e le sue disposizioni sono entrate in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione.

tenuità del fatto e reato di incendio boschivo - Santoloci 13-05-2015

Diritto all'Ambiente

Un quesito su decreto sulla “tenuità del fatto” e reato di incendio boschivo colposo
Domanda: Il reato di incendio boschivo colposo può rientrare potenzialmente nella previsione del decreto sulla “tenuità del fatto”? E quali possono essere, in caso positivo, le linee guida per la polizia giudiziaria per affrontare questa nuova disciplina normativa?
Risposta (a cura del Dott. Maurizio Santoloci): La pena prevista per il reato di incendio boschivo colposo di cui all'articolo 423 bis secondo comma codice penale (reclusione da uno a cinque anni) fa rientrare questo delitto oggettivamente nella previsione di potenziale applicazione in ordine al principio del nuovo decreto sulla “tenuità del fatto” (Decreto Legislativo 16 marzo 2015 n. 28). Questo - naturalmente - in via ipotetica e teorica, mentre poi sarà necessario - caso per caso - verificare se vi sono i presupposti in fatto ed in diritto. Mentre, logicamente, è pacifico che il reato di incendio boschivo doloso di cui al primo comma del medesimo articolo 423 bis codice penale non rientra (neppure potenzialmente) in tale previsione.

"tenuità del fatto" - Santoloci 06-05-2015

Diritto all'ambiente

Una riforma legislativa che comporta la necessità di una evoluzione nella redazione delle comunicazioni di notizia di reato della PG

Il decreto sulla “tenuità del fatto” ed i riflessi diretti per gli atti redatti dalla polizia giudiziaria ambientale

A cura del Dott. Maurizio Santoloci

TAR Sicilia - sentenza su MUOS - Stefutti 20-02-2015

diritto all'ambiente
Breve nota alla sentenza del Tar Sicilia (PA) 13 febbraio 2015 n. 461
  LE ZONE MILITARI NON SONO ZONE FRANCHE RISPETTO ALLE NORME AMBIENTALI. IL TAR SICILIA ANNULLA LE AUTORIZZAZIONI RILASCIATE A FAVORE DEL MUOS: VIOLATE LA NORMATIVA PAESAGGISTICA E QUELLA SULLA VALUTAZIONE DI INCIDENZA
A cura dell’Avv. Valentina Stefutti

 

Pagine

Sviluppato da Maxsos