Menu secondario

.,

SapaFlash del 09 settembre 2013 - pensioni

Date: 09-09-2013 / Author: sapaf /
SAPAF

logo sapaf

sapaflash del 9 settembre 2013

rimane invariato il sistema pensionistico del Comparto Sicurezza

Nella seduta odierna del Consiglio dei Ministri è stato definitivamente approvato il decreto di armonizzazione del sistema pensionistico di alcune categorie di lavoratori alla riforma "Fornero"; il decreto in questione non prevede che il personale del Comparto Sicurezza-Difesa sia incluso in questa armonizzazione.

Infatti - si legge dal comunicato stampa del Governo che rendiamo disponibile in fondo a questa news - dopo il previsto parere del Consiglio di Stato, le commissioni parlamentari lo hanno approvato, condizionandolo allo stralcio degli articoli che interessavano gli uomini e le donne in divisa!

Un altro importante risultato, dopo quello sul ripristino delle risorse per le assunzioni nelle FFPP sottratte per la cancellazione dell'IMU (leggi il comunicato congiunto), ottenuto dal SAPAF e dalla Consulta Sicurezza e dai quei Sindacati che hanno creduto nella battaglia di sostenere la "Specificità" del nostro comparto!

(Stralcio del comunicato stampa del Governo)

Pensioni: armonizzazione requisiti minimi per alcune categorie escluse dalla riforma pensionistica del 2011

Sulla base del processo avviato dal Governo precedente, e di quanto previsto dalla legge di conversione del Decreto “Salva Italia” del dicembre 2011, il Consiglio dei Ministri ha approvato il regolamento che armonizza i requisiti minimi di accesso al sistema pensionistico per alcune tipologie di lavoratori per le quali la riforma del 2011 non aveva trovato immediata applicazione. Si tratta di categorie - tra cui il personale viaggiante dei servizi di trasporto, alcuni lavoratori marittimi, gli sportivi professionisti, i lavoratori dello spettacolo - per le quali la particolarità dell’attività svolta richiede una declinazione specifica dei requisiti pensionistici generali e, in particolare, di quelli anagrafici e contributivi.

Il testo del regolamento, approvato dal Consiglio dei Ministri in via preliminare nell’ottobre del 2012, è stato sottoposto all’esame del Consiglio di Stato e delle commissioni parlamentari. Queste ultime, esprimendo il proprio parere favorevole, nel giugno scorso, lo hanno condizionato allo stralcio dei 4 articoli inizialmente dedicati ai comparti della Difesa e della Sicurezza.

Il testo approvato dal Consiglio dei Ministri prevede per i lavoratori dei settori interessati un limitato incremento dei requisiti anagrafici e contributivi - nella maggior parte dei casi di 1 o 2 anni - al fine di realizzare un sistema più coerente, armonico ed equo, proprio tenendo conto della specificità delle prestazioni lavorative svolte in questi settori. Infatti, anche dopo l’applicazione del decreto, queste categorie di lavoratori beneficeranno di requisiti di età e di contribuzione per il pensionamento significativamente inferiori a quelle tipiche della generalità dei lavoratori. Attraverso un regime di transitorietà ad esempio, per gli iscritti al Fondo lavoratori dello spettacolo-gruppo ballo, il requisito di età per la pensione di vecchiaia passa dai 45 anni attuali (uomini e donne) a 46; per i lavoratori marittimi addetti al servizio di macchina, ai fini del pensionamento di vecchiaia, si passa dagli attuali 20 anni di effettiva navigazione e 55 di età a 20 anni di effettiva navigazione e 56 anni di età, che verranno gradualmente incrementati fino a 58 anni a decorrere dal 2018.

L’approvazione del decreto porterà risparmi di spesa significativi, circa 526 milioni di euro in dieci anni, che verranno destinati a interventi sempre in materia previdenziale.

 

Sviluppato da Maxsos