Menu secondario

.,

SapaFlash del 09 agosto 2013

Date: 09-08-2013 / Author: sapaf /
SAPAF
logo sapaf
sapaflash del 9 agosto 2013

SAPAF, Consulta Sicurezza, Sindacati e COCER: comunicato congiunto

Dopo il Consiglio dei Ministri di ieri che ha approvato il prolungamento del blocco dei rinnovi contrattuali al 31-12-2014, il SAPAF, la Consulta Sicurezza, le maggiori organizzazioni sindacali e gli organismi di rappresentanza militare del Comparto Sicurezza, insieme ad alcune sigle dei Vigili del Fuoco, hanno deciso di indire lo stato di agitazione del Personale.

Uniche strade per il dialogo, a nostro avviso, sono la modifica del tetto retributivo (da quello individuale a quello d'amministrazione, con cui si garantirebbe l'operatività) e il varo di una legge delega sul riordino delle carriere (già proposto con forza dalla Consulta Sicurezza nella passata legislatura). Riteniamo, inoltre, come già affermato nell'incontro con il Ministro della Funzione Pubblica del 1° agosto, che ci sono gli spazi per una revisione del contratto normativo, che consentirebbe di ottimizzare le risorse disponibili rendendole più funzionali ai servizi attuali.
Se dal Governo arriveranno segnali in queste direzioni, allora potremo confrontarci costruttivamente, altrimenti saremo costretti a manifestare l'insoddisfazione del Personale e la pericolosa mancanza di risorse che sta vivendo l'apparato della Sicurezza in Italia. Di seguito il testo del comunicato congiunto.

Passi avanti sul riordino delle carriere

Nel comunicato stampa del Consiglio dei Ministri di ieri, oltre alla questione del blocco dei rinnovi contrattuali, il Governo ha affrontato anche la questione del riordino delle carriere, posta con forza dalla Consulta Sicurezza. In effetti, nel comunicato del Governo si legge una, seppur lieve, indicazione per arrivare all'approvazione in tempi brevi della legge delega sul riordino delle carriere del personale delle Forze di Polizia e delle Forze Armate; questo il passaggio saliente: "... per tutto il Governo è comune e stringente l’impegno nel procedere, con altrettanta tempestività, a dare corso ad una completa revisione dei ruoli ed al riordino delle carriere di tutto il comparto difesa e sicurezza, tale da soddisfare le legittime aspettative del personale civile e militare, avviando, sin da subito, le attività di elaborazione di un apposito disegno di legge."

Sembrerebbe, quindi, che in virtù delle prese di posizione nell'incontro del 1° agosto con il Ministro della Funzione Pubblica, D'alia, sintetizzate anche nel comunicato congiunto di cui sopra, il Governo voglia effettivamente affrontare l'indifferibile questione che ormai da anni viene posta come prioritaria dal SAPAF, dal SAP, dal SAPPe e dal CONAPO!

Seguiremo attentamente se a tali parole seguiranno intenti consequenziali, altrimenti "ricorderemo" al Presidente del Consiglio, Enrico Letta, ed al suo Vice nonchè Ministro dell'Interno, Angelino Alfano, gli impegni assunti con gli Operatori di Polizia nella passata legislatura, quando erano due semplici, anche se importanti, esponenti politici, impegni che oggi, visti gli incarichi che ricoprono, debbono rispettare!

Leggete il comunicato (completo) del Governo.

Decreto svuota carceri approvato dal Senato

E' stato definitivamente approvato il decreto "svuota carceri" dal Senato della Repubblica e presto verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Anche se ancora il testo definitivo non è disponibile, ci sembra che la nostra opera di sensibilizzazione, condotta insieme agli Amici di Diritto all'Ambiente e ad altre associazioni ambientaliste, abbia prodotto i suoi frutti! Ricorderete, infatti, come nelle scorse settimane attraverso comunicati stampa, lettere al Ministro De Girolamo e ai Presidenti di Camera e Senato, il SAPAF si sia impegnato affinchè questa pericolosa proposta venisse rivista dal Parlamento.

Infatti, leggiamo nelle anticipazioni di alcune agenzie giornalistiche che il reato di incendio boschivo non è stato ricompreso tra quelli per cui il decreto prevede pene alternative, sia nella parte che preclude la carcerazione preventiva che in quella che introduce sconti per le pene accessorie!

Ci sentiamo fin d'ora di ringraziare i Parlamentari che hanno ascoltato le nostre ragioni e, in particolar modo, il Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, che ha dimostrato tutta la sua sensibilità adoperandosi nel sollecitare le Commissioni competenti, come si evince dalla nota che ha indirizzato al SAPAF nei giorni scorsi.

Seppure nelle more di un'attenta lettura del testo definitivo, ci sembra questo un gran risultato per l'operato dei Forestali che avrebbero visto frustrate le loro faticose attività d'indagine per un reato particolare come quello dell'incendio boschivo, avendo assicurato alla giustizia, in questi ultimi anni, molti pericolosi incendiari, veri e propri criminali spesso recidivi.

L'impegno di un sindacato serio si vede anche in queste cose, funzionali per l'attività dei Forestali oltre che per il CFS, e noi del SAPAF siamo sempre seri!

Leggete la pagina che l'ANSA dedica al decreto.

Sviluppato da Maxsos