Menu secondario

.,

decreto Presidente Repubblica n.184/2010

/
Normativa

Recepimento dell'accordo sindacale per il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile e del provvedimento di concertazione per il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento militare (biennio economico 2008-2009). (10G0205) 

Titolo I

FORZE DI POLIZIA AD ORDINAMENTO CIVILE

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'articolo 87 della Costituzione;

Visto il decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195, recante procedure per disciplinare i contenuti del rapporto di impiego del personale delle Forze di polizia e delle Forze armate;

Viste le disposizioni degli articoli 1, 2 e 7 del citato decreto legislativo n. 195 del 1995, che disciplinano le procedure negoziali e di concertazione - da avviare, sviluppare e concludere con carattere di contestualita' - per l'adozione di separati decreti del Presidente della Repubblica concernenti rispettivamente il personale delle Forze di polizia ad ordinamento civile e ad ordinamento militare, nonche' il personale delle Forze armate, con esclusione dei rispettivi dirigenti civili e militari, del personale di leva ed ausiliario di leva;

Viste le disposizioni degli articoli 2 e 7 del predetto decreto legislativo n. 195 del 1995, relative alle modalita' di costituzione delle delegazioni di parte pubblica, delle delegazioni sindacali e dei rappresentanti del Consiglio centrale di rappresentanza che partecipano alle richiamate procedure negoziali e di concertazione, rispettivamente per le Forze di polizia ad ordinamento civile (Polizia di Stato, Corpo di polizia penitenziaria e Corpo forestale dello Stato), per le Forze di polizia ad ordinamento militare (Arma dei carabinieri e Corpo della guardia di finanza) e per le Forze armate (Esercito, Marina ed Aeronautica);

Viste in particolare le disposizioni di cui all'articolo 2, comma 1, lettere A) e B), ed all'articolo 7 del citato decreto legislativo n. 195 del 1995, riguardanti le delegazioni e le procedure negoziali e di concertazione, rispettivamente per il personale delle Forze di polizia ad ordinamento civile e delle Forze di polizia ad ordinamento militare in precedenza indicate;

Visto il decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione in data 19 febbraio 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26 marzo 2009, recante individuazione della delegazione sindacale che partecipa alle trattative per la definizione dell'accordo sindacale per il biennio economico 2008-2009, riguardante il personale delle Forze di polizia ad ordinamento civile (Polizia di Stato, Corpo della polizia penitenziaria e Corpo forestale dello Stato);

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n. 170, recante recepimento dell'accordo sindacale e del provvedimento di concertazione per il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile e militare (quadriennio normativo 2006-2009 e biennio economico 2006-2007);

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2009, n. 51, recante recepimento dell'accordo sindacale per le Forze di polizia ad ordinamento civile e del provvedimento di concertazione per le Forze di polizia ad ordinamento militare, integrativo del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n. 170, relativo al quadriennio normativo 2006-2009 e al biennio economico 2006-2007;

Vista l'ipotesi di accordo sindacale riguardante il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile (Polizia di Stato, Corpo di polizia penitenziaria e Corpo forestale dello Stato) per il biennio economico 2008 - 2009, sottoscritta - ai sensi delle richiamate disposizioni del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195 - in data 16 settembre 2010 dalla delegazione di parte pubblica e dalle seguenti organizzazioni sindacali rappresentative sul piano nazionale:

 

per la Polizia di Stato:
S.I.U.L.P. (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia)
S.A.P. (Sindacato Autonomo Polizia)
S.I.L.P. PER LA CGIL (Sindacato Italiano Lavoratori Polizia per la CGIL)
S.I.A.P. (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia)
Federazione SP (UILPS-SUP-ANIP Italia Sicura)
UGL - Polizia di Stato
CONSAP - NUOVA FEDERAZIONE AUTONOMA (gia' CONSAP)
COISP (gia' COISP - UP - FPS - ADP - PNFI - MPS)

 

per il Corpo di polizia penitenziaria:
S.A.P.Pe. (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria)
O.S.A.P.P. (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria)
FNS CISL (gia' CISL-FNS/Penitenziario)
UIL-PA
S.I.N.A.P.Pe. (Sindacato Nazionale Autonomo Polizia Penitenziaria)
UGL Polizia Penitenziaria (gia' U.S.P.P. per l'UGL)
FP - CGIL
F. S. A. - C.N.P.P.

 

per il Corpo forestale dello Stato:
S.A.P.A.F. (Sindacato Autonomo Polizia Ambientale Forestale)
Federazione Nazionale UGL/Corpo Forestale dello Stato
Fe. Si. Fo. (gia' SAPeCoFS - CISAL - DIRFOR)
FNS CISL (gia' CISL/CFS)
UIL-PA/Corpo Forestale dello Stato
CGIL /CFS

 

Visto lo schema di provvedimento di concertazione riguardante il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento militare (Arma dei carabinieri e Corpo della guardia di finanza) per il biennio 2008 - 2009, concertato - ai sensi delle richiamate disposizioni del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195 - in data 16 settembre 2010 dalla delegazione di parte pubblica, dal Comando generale dell'Arma dei carabinieri, dal Comando generale del Corpo della guardia di finanza, dalla Sezione COCER carabinieri, dalla Sezione COCER guardia di finanza;

Visti l'articolo 3, comma 144, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008), l'articolo 2, comma 28, della legge 22 dicembre 2008, n. 203 (legge finanziaria 2009), l'articolo 2, comma 43, della legge 23 dicembre 2009, n. 191 (legge finanziaria 2010);

Visti l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e l'articolo 7, comma 11, ultimo periodo del decreto legislativo n. 195 del 1995;

Considerato che l'ipotesi di accordo sindacale per le Forze di polizia ad ordinamento civile e' stata sottoscritta da tutte le organizzazioni sindacali partecipanti alle trattative, che lo schema di provvedimento per le Forze di polizia ad ordinamento militare e' stato concertato con entrambe le Sezioni Carabinieri e Guardia di finanza del Consiglio centrale di rappresentanza e che, pertanto, non sussiste il presupposto per l'attivazione della procedura di dissenso ai sensi dell'articolo 7, commi 4 e 6, del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 24 settembre 2010, con la quale sono stati approvati, ai sensi del citato articolo 7, comma 11, del decreto legislativo n. 195 del 1995, previa verifica delle compatibilita' finanziarie e in assenza delle osservazioni di cui ai commi 4 e 6 del medesimo articolo 7, l'ipotesi di accordo sindacale riguardante il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile e lo schema di provvedimento riguardante le Forze di polizia ad ordinamento militare in precedenza indicati;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione, di concerto con il Ministro dell'interno, con il Ministro dell'economia e delle finanze, con il Ministro della difesa, con il Ministro della giustizia e con il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali;

 

 

Decreta:

 

Articolo 1

Ambito di applicazione e durata

1. La presente ipotesi di accordo si applica al personale dei ruoli della Polizia di Stato, del Corpo di polizia penitenziaria e del Corpo forestale dello Stato, con esclusione dei rispettivi dirigenti e del personale di leva.

2. Le disposizioni della presente ipotesi di accordo sono relative al periodo dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2009 per la parte economica.

 

Articolo 2

Nuovi stipendi

1. A decorrere dal 1° gennaio 2008, il valore del punto parametrale, stabilito dall'articolo 2, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n.170, è fissato in euro 165,65 annui lordi. Il trattamento stipendiale del personale delle Forze di polizia ad ordinamento civile, individuato nell'articolo 2, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2009 n.51, è, pertanto, incrementato delle misure mensili lorde e rideterminato nei valori annui lordi di cui alla seguente tabella:

 

Qualifiche ed equiparate Parametri Incrementi mensili lordi stipendi annuali lordi (12 mensilità)
euro
vice questore aggiunto 150,00 11,88 24.847,50
commissario capo 144,50 11,44 23.936,43
commissario 139,00 11,00 23.025,35
vice commissario 133,25 10,55 22.072,86
ispettore sup. s.ups sostituto commissario 139,00 11,00 23.025,35
ispettore sup. s.ups (con 8 anni nella qualifica) 135,50 10,73 22.445,58
ispettore sup. s.ups 133,00 10,53 22.031,45
ispettore capo 128,00 10,13 21.203,20
ispettore 124,00 9,82 20.540,60
vice ispettore 120,75 9,56 20.002,24
sovrintendente capo (con 8 anni nella qualifica) 122,50 9,70 20.292,13
sovrintendente capo 120,25 9,52 19.919,41
sovrintendente 116,25 9,20 19.256,81
vice sovrintendente 112,25 8,89 18.594,21
assistente capo (con 8 anni nella qualifica) 113,50 8,99 18.801,28
assistente capo 111,50 8,83 18.469,98
assistente 108,00 8,55 17.890,20
agente scelto 104,50 8,27 17.310,43
agente 101,25 8,02

16.772,06

 
 
2. A decorrere dal 1° gennaio 2009, il calore del punto parametrale, stabilito dall'articolo 2, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n.170, è fissato in euro 172,70 annui lordi. Il trattamento stipendiale del personale delle Forze di polizia ad ordinamento civile, individuato nell'articolo 2, comma2, del decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2009, n.51, è, pertanto, incrementato delle misure mensili lorde e rideterminato nei valori annui lordi di cui alla seguente tabella:
 
 
Qualifiche ed equiparate Parametri Incrementi mensili lordi stipendi annuali lordi (12 mensilità)
euro
vice questore aggiunto 150,00 100,00 25.905,00
commissario capo 144,50 96,33 24.955,15
commissario 139,00 92,67 24.005,30
vice commissario 133,25 88.83 23.012,28
ispettore sup. s.ups sostituto commissario 139,00 92,67 24.005,30
ispettore sup. s.ups (con 8 anni nella qualifica) 135,50 90,33 23.400,85
ispettore sup. s.ups 133,00 88,67 22.969,10
ispettore capo 128,00 85,33 22.105,60
ispettore 124,00 82,67 21.414,80
vice ispettore 120,75 80,50 20.853,53
sovrintendente capo (con 8 anni nella qualifica) 122,50 81,67 21.155,75
sovrintendente capo 120,25 80,17 20.767,18
sovrintendente 116,25 77,50 20.076,38
vice sovrintendente 112,25 74,83 19.385,58
assistente capo (con 8 anni nella qualifica) 113,50 75,67 19.601,45
assistente capo 111,50 74,33 19.256,05
assistente 108,00 72,00 18.651,60
agente scelto 104,50 69,67 18.047,15
agente 101,25 67,50 17.485,88

 

3. Il trattamento stipendiale, come rideterminato dai commi precedenti, per la quota parte relativa all'indennità integrativa speciale, conglobata dal 1° gennaio 2005 nel trattamento stesso ai sensi dell'articolo 3, comma 1, del decreto legislativo 30 maggio 2003, n.193, non modifica la base di calcolo ai fini della base pensionabile di cui alla legge 29 aprile 1976, n.177, e successive modificazioni, e dell'applicazione dell'articolo 2, comma 10, della legge 8 agosto 1995, n.335, e non ha effetti diretti e indiretti sul trattamento complessivo fruito, in base alle vigenti disposizioni, dal personale in servizio all'estero.

4. I valori stipendiali di cui ai commi 1 e 2, assorbono l'elemento provvisorio della retribuzione corrisposto quale vacanza contrattuale ai sensi dell'articolo 1, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n.170.

 

Articolo 3

Effetti dei nuovi stipendi

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 2, commi 3 e 4, le nuove misure degli stipendi risultanti dall'applicazione della presente ipotesi di accordo hanno effetto sulla tredicesima mensilità, sul trattamento ordinario di quiescenza, normale e privilegiato, sulla indennità di buonuscita, sull'assegno alimentare per il dipendente sospeso, come previsto dall'articolo 82 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n.3, o da diposizioni analoghe, sull'equo indennizzo, sulle ritenute previdenziali ed assistenziali e relativi contributi, compresi la ritenuta in conto entrata INPDAP, o altre analoghe, ed i contributi di riscatto.

2. I benefici economici risultanti dall'applicazione della presente ipotesi di accordo sono corrisposti integralmente, alle scadenze e negli importi previsti, al personale comunque cessato dal servizio, con diritto a pensione, nel periodo di vigenza della presente ipotesi di accordo. Agli effetti dell'indennità di buonuscita si considerano solo gli scaglionamenti maturati alla data di cessazione dal servizio.

3. La corresponsione dei nuovi stipendi, derivanti dall'applicazione della presente ipotesi di accordo, avviene in via provvisoria e salvo conguaglio, ai sensi dell'articolo 172 della legge 11 luglio 1980, n.312, in materia di sollecita liquidazione del nuovo trattamento economico.

 

Articolo 4

Indennità pensionabile

1. A decorrere dal 1° ottobre 2009, le misure dell'ndennità pensionabile di cui all'articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2009, n.51, sono incrementate e rideterminate nei seguenti importi mensili lordi:

 

Qualifiche ed equiparate Incrementi mensili lordi Importi mensili lordi
euro
vice questore aggiunto 17,90 830,60
commissario capo 17,50 815,10
commissario 17,40 807,70
vice commissario 16,70 775,00
ispettore sup. s.ups sostituto commissario 17,00 789,10
ispettore sup. s.ups (con 8 anni nella qualifica) 17,00 789,10
ispettore sup. s.ups 17,00 789,10
ispettore capo 16,20 753,50
ispettore 15,70 730,10
vice ispettore 15,20 707,20
sovrintendente capo (con 8 anni nella qualifica) 15,60 726,70
sovrintendente capo 15,60 726,70
sovrintendente 14,70 683,90
vice sovrintendente 14,60 680,50
assistente capo (con 8 anni nella qualifica) 16,20 615,10
assistente capo 16,20 615,10
assistente 17,10 562,40
agente scelto 19,00 519,30
agente 19,90 487,80

 

Articolo 5

Fondo per l'efficienza dei servizi istituzionali

1. Per ogni Forza di polizia ad ordinamento civile il Fondo per l'efficienza dei servizi istituzionali di cui all'articolo 14 del decreto del Presidente della Repubblica 18 giugno 2002, n.164, come incrementato dall'art.3 del decreto del Presidente della Repubblica 19 novembre 2003, n.348, dall'art.7 del decreto del Presidente della Repubblica 28 aprile 2006, n.220, dall'art.5 del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n.170, dall'art.5 del decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2009, n.51, è ulteriormente incrementato delle seguenti risorse economiche annue:

 

a) per l'anno 2008:

  • Polizia di Stato: euro 458.000,00;

  • Polizia penitenziaria: euro 149.000,00;

  • Corpo forestale dello Stato: euro 36.000,00;

 

b) per l'anno 2009:

  • Polizia di Stato: euro 6.132.000,00;

  • Polizia penitenziaria: euro 1.793.000,00;

  • Corpo forestale dello Stato: 118.000,00;

 

c) a decorrere dal 31 dicembre 2009 ed a valere per l'anno 2010

  • Polizia di Stato: euro 3.267.000,00;

  • Polizia penitenziaria: euro 567.000,00;

  • Corpo forestale dello Stato: euro 26.000,00. 

 

2. Gli importi di cui alle lettere a), b) e c) del comma 1, non comprendono gli oneri contributivi e l'IRAP a carico dello Stato. Gli importi di cui alle lettere a) e b) non hanno effetto di trascinamento negli anni sucessivi.

3. Le risorse assegnate e non utilizzate nell'esercizio di competenza sono riassegnate, per le medesime esigenze, nell'anno successivo.

 

Articolo 6

Lavoro straordinario

1. A decorrere dal 31 dicembre 2009 ed a valere dal 2010, le misure orarie lorde del compenso per lavoro straordinario, fissate nella tabella di cui all'articolo 6, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2009, n.51, sono rideterminate negli importi di cui alla seguente tabella:

 

Qualifiche ed equiparate Parametri Feriale Notturno o festivo Notturno festivo
euro
vice questore aggiunto 150,00 15,52 17,54 20,24
commissario capo 144,50 14,95 16,89 19,49
commissario 139,00 14,38 16,25 18,76
vice commissario 133,25 13,78 15,58 17,98
ispettore sup. s.ups sostituto commissario 139,00 14,38 16,25 18,76
ispettore sup. s.ups (con 8 anni nella qualifica) 135,50 14,01 15,84 18,28
ispettore sup. s.ups 133,00 13,76 15,55 17,95
ispettore capo 128,00 13.24 14,97 17,27
ispettore 124,00 12,83 14,50 16,73
vice ispettore 120,75 12,49 14,12 16,29
sovrintendente capo (con 8 anni nella qualifica) 122,50 12,67 14,33 16,52
sovrintendente capo 120,25 12,44 14,06 16,23
sovrintendente 116,25 12,02 13,59 15,69
vice sovrintendente 112,25 11,61 13,12 15,15
assistente capo (con 8 anni nella qualifica) 113,50 11,74 13,28 15,32
assistente capo 111,50 11,54 13,04 15,05
assistente 108,00 11,17 12,63 14,57
agente scelto 104,50 10,81 12,22 14,10
agente 101,25 10,48 11,84 13,66

 

Articolo 7 

Ambito di applicazione e durata 

1. Il presente decreto si applica al personale dei ruoli dell'Arma dei carabinieri e del Corpo della Guardia di finanza, con esclusione dei rispettivi dirigenti e del personale di leva.

2. Le disposizioni del presente decreto sono relative al periodo dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2009 per la parte economica.

 

Titolo II

FORZE DI POLIZIA AD ORNIMENTO MILITARE

omississ

Titolo III

DISPOSIZIONI FINALI

 

Art. 13
Proroga di efficacia di norme

1. Al personale di cui ai Titoli I e II continuano ad applicarsi, ove non in contrasto con il presente decreto, le norme previste dai precedenti provvedimenti di accordo e concertazione.

 

Art. 14
Decorrenza del provvedimento

1. Salvo quanto espressamente previsto, le disposizioni dei precedenti articoli hanno efficacia a decorrere dal primo giorno del mese successivo a quello della pubblicazione del presente decreto.

 

Art. 15
Copertura finanziaria

1. All'onere derivante dall'attuazione del presente decreto, pari ad euro 1.140.483.000 per l'anno 2010 ed euro 578.652.000 a decorrere dall'anno 2011, si provvede:

- per l'anno 2010, quanto ad euro 561.831.000, a valere sulle disponibilita' in conto residui, all'uopo conservate, sul capitolo 3027 «Fondo da ripartire per l'attuazione dei contratti del personale delle Amministrazioni statali anche ad ordinamento autonomo, ivi compreso il personale militare e quello dei Corpi di polizia e delle Universita'»; quanto ad euro 80.656.000 mediante riduzione dell'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 3, comma 144, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, quanto ad euro 426.000.000 mediante riduzione  dell'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 2, comma 28, della legge 22 dicembre 2008 n. 203; quanto ad euro 71.996.000 mediante riduzione dell'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 2, comma 43, della legge 23 dicembre 2009, n. 191;

- a decorrere dall'anno 2011, quanto ad euro 80.656.000 mediante riduzione dell'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 3, comma 144, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, quanto ad euro 426.000.000 mediante riduzione dell'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 2, comma 28, della legge 22 dicembre 2008 n. 203 e quanto ad euro 71.996.000 mediante riduzione dell'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 2, comma 43, della legge 23 dicembre 2009, n. 191.

2. Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addi' 1° ottobre 2010

 

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri

Brunetta, Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione

Maroni, Ministro dell'interno

Tremonti, Ministro dell'economia e delle finanze

La Russa, Ministro della difesa

Alfano, Ministro della giustizia

Galan, Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Registrato alla Corte dei conti il 2 novembre 2010 Ministeri istituzionali, registro n. 17, foglio n. 287

 

IMPEGNO DEL GOVERNO

Il Governo, preso atto degli atti di impegno assunti, in ragione della particolare specificità di tutto il personale del Comparto Sicurezza e Difesa a margine della manovra finanziaria di cui alla Legge 122/2010, di conversione in legge del decreto legge n.78/2010, volti a chiarificare le voci retributive non facenti parti del tetto retributivo di cui all'articolo 9, comma 1 del predetto provvedimento legislativo, nonché dell'impegno assunto a fronte dell'articolo 9, comma 21, in ordine al completo riconoscimento economico e giuridico delle promozioni e degli adeguamenti retributivi nel triennio 20100 - 2013,

SI IMPEGNA

  • a dare completa attuazione all'atto di impegno assunto in ordine all'articolo 9, comma 21 finalizzato a chiarificare le voci retributive da escludere dal tetto retributivo in linea con la volontà politica già assunta dai Ministeri interessati;

  • a promuovere in tempi ragionevolmente contenuti, anche con l'inserimento della previsione in un veicolo legislativo d'urgenza, per finanziare le eventuali deficienze che si dovessero riscontrare nei confronti del fondo di cui all'articolo 8, comma 11 bis, finalizzato a dare completa attuazione all'impegno ed alla volontà politica già espressa dall'Esecutivo nelle sedi istituzionali e non, per attribuire gli emolumenti completi derivanti da promozioni o dalla dinamica salariale;

  • ad aprire in tempi ragionevolmente contenuti un tavolo tecnico presso il Ministero per la Publlica Amministrazione e l'Innovazine per dare rapido impulso all'istituzione di forme di previdenza complementare in ambito Comparto.

 

/-------------------------------------------------------------------/

 

Normativi

Economici

Integrativi

Sviluppato da Maxsos