Menu secondario

.,

Accorpamento Forestale: la posizione del SAPAF in evidenza

Date: 19-04-2016 / Author: sapaf /
News, SAPAF

Militarizzazione 'coatta' dei forestali, il Sapaf non ci sta

adnkronosRoma, 19 apr. (AdnKronos) - “Sta succedendo quello che era facile prevedere. Sta per essere emanato un decreto legislativo, il cui testo circola già in ambienti dell’Arma dei carabinieri, che propone la militarizzazione ‘coatta’ del Corpo forestale, ipotizzando addirittura un corso di ‘deontologia militare’. Sindacati e diritti civili vengono cancellati con un colpo di spugna, i futuri rappresentanti dei forestali saranno eletti come delegati Cocer senza però avere diritto di voto”.

Lo afferma Marco Moroni, segretario generale del Sapaf, il maggior sindacato per numero di iscritti del Corpo forestale dello Stato.

“Ribadiamo la nostra richiesta - dice Moroni -, visto che ormai l’accorpamento sembra inevitabile: istituire un reparto civile nell’ambito dell’Arma dei carabinieri che abbia peculiarità e specificità in ambito di polizia ambientale, o in alternativa lasciare la facoltà di transitare in altra forza di polizia civile. Altrimenti non ci resterà che la via del ricorso giudiziale, anche in chiave europea. Siamo pronti a tutto per bloccare questa scellerata riforma”.

Forestali, decreto accorpamento: Sapaf, no a militarizzazione

ansa(ANSA) - ROMA, 19 APR - "Sta per essere emanato un decreto legislativo, il cui testo circola già in ambienti dell’Arma dei carabinieri, che propone la militarizzazione ‘coatta’ del Corpo forestale, ipotizzando addirittura un corso di ‘deontologia militare’.

Sindacati e diritti civili vengono cancellati con un colpo di spugna, i futuri rappresentanti dei forestali saranno eletti come delegati Cocer senza però avere diritto di voto”.

Lo afferma Marco Moroni, segretario del Sapaf, che ribadisce la sua proposta: "Istituire un reparto civile nell’ambito dell’Arma dei carabinieri che abbia peculiarità e specificità in ambito di polizia ambientale, o in alternativa lasciare la facoltà di transitare in altra forza di polizia civile. Altrimenti non ci resterà che la via del ricorso giudiziale, anche in chiave europea".COM 19-APR-15 16:31

Forestali assorbiti dai Carabinieri: la posizione del Sapaf

agenparl(AGENPARL) – Roma, 19 apr 2016 – “Sta succedendo quello che era facile prevedere. Sta per essere emanato un decreto legislativo, il cui testo circola già in ambienti dell’Arma dei carabinieri, che propone la militarizzazione ‘coatta’ del Corpo forestale, ipotizzando addirittura un corso di ‘deontologia militare’. Sindacati e diritti civili vengono cancellati con un colpo di spugna, i futuri rappresentanti dei forestali saranno eletti come delegati Cocer senza però avere diritto di voto”.

Lo afferma Marco Moroni, segretario generale del Sapaf, il maggior sindacato per numero di iscritti del Corpo forestale dello Stato.

“Condividiamo le recenti parole del delegato Cocer carabinieri Giuseppe La Fortuna – dice Moroni – che ha parlato di sconfitta del sistema sicurezza e di perdita delle qualificazioni dei forestali sotto il profilo operativo, senza contare l’esperienza sindacale che sarà cancellata. Ribadiamo la nostra richiesta, visto che ormai l’accorpamento sembra inevitabile: istituire un reparto civile nell’ambito dell’Arma dei carabinieri che abbia peculiarità e specificità in ambito di polizia ambientale, o in alternativa lasciare la facoltà di transitare in altra forza di polizia civile. Altrimenti non ci resterà che la via del ricorso giudiziale, anche in chiave europea. Siamo pronti a tutto per bloccare questa scellerata riforma”.

“Militarizzazione coatta” dei Forestali, la denuncia del Sapaf

Le indiscrezioni provenienti dall’Arma preoccupano i sindacati del Corpo Forestale

altrimondi newsDove eravamo rimasti? La riforma della pubblica amministrazione del Governo Renzi ha annoverato, tra i provvedimenti maggiormente contestati, l’accorpamento del Corpo Forestale dello Stato all’Arma dei Carabinieri. Una scelta che ha suscitato la protesta delle associazioni ambientaliste ed ecologiste, di molti rappresentanti degli enti locali, delle gerenze dei Parchi nazionali e regionali e delle aree marine protette, di tantissimi cittadini che hanno adottato le più svariate forme di contestazione per scongiurare che ciò accadesse.

Nulla da fare. Il Governo ha tirato dritto per la sua strada senza ascoltare le preoccupazioni di centinaia di migliaia di italiani che, con la soppressione dei forestali, vedono seriamente minacciato il patrimonio naturale e paesaggistico del nostro Paese. A partire dal 2017 si faranno i conti con il nuovo assetto che vedrà i 7mila agenti della Forestale sparpagliati tra Carabinieri (la stragrande maggioranza), Polizia di Stato e Ministeri.

Ma quali saranno le competenze e le modalità di sviluppo delle funzioni assegnate agli ex-forestali resta ad oggi ancora un mistero. Il problema sorge, in particolare, per il fatto che un Corpo civile come il Cfs transiti in uno militare quale i Carabinieri.

“Sta succedendo quello che era facile prevedere. Sta per essere emanato un decreto legislativo, il cui testo circola già in ambienti dell’Arma dei carabinieri, che propone la militarizzazione ‘coatta’ del Corpo forestale, ipotizzando addirittura un corso di ‘deontologia militare’. Sindacati e diritti civili vengono cancellati con un colpo di spugna, i futuri rappresentanti dei forestali saranno eletti come delegati Cocer senza però avere diritto di voto”. Lo afferma Marco Moroni, segretario generale del Sapaf.

“Condividiamo le parole del delegato Cocer carabinieri Giuseppe La Fortuna – dice Moroni – che ha parlato di sconfitta del sistema sicurezza e di perdita delle qualificazioni dei forestali sotto il profilo operativo, senza contare l’esperienza sindacale che sarà cancellata. Ribadiamo la nostra richiesta, visto che ormai l’accorpamento sembra inevitabile: istituire un reparto civile nell’ambito dell’Arma dei carabinieri che abbia peculiarità e specificità in ambito di polizia ambientale, o in alternativa lasciare la facoltà di transitare in altra forza di polizia civile. Altrimenti non ci resterà che la via del ricorso giudiziale, anche in chiave europea. Siamo pronti a tutto per bloccare questa scellerata riforma”.

Corpo forestale, Sapaf: «In arrivo un decreto legislativo per la militarizzazione coatta»

Il sindacato col maggior numero di iscritti tra i forestali chiede di «istituire un reparto civile nell’Arma dei carabinieri»

greenreportSta succedendo quello che era facile prevedere. Sta per essere emanato un decreto legislativo, il cui testo circola già in ambienti dell’Arma dei carabinieri, che propone la militarizzazione ‘coatta’ del Corpo forestale, ipotizzando addirittura un corso di ‘deontologia militare’. Sindacati e diritti civili vengono cancellati con un colpo di spugna, i futuri rappresentanti dei forestali saranno eletti come delegati Cocer senza però avere diritto di voto.

Condividiamo le parole del delegato Cocer carabinieri, Giuseppe La Fortuna, che ha parlato di sconfitta del sistema sicurezza e di perdita delle qualificazioni dei forestali sotto il profilo operativo, senza contare l’esperienza sindacale che sarà cancellata.

Ribadiamo la nostra richiesta, visto che ormai l’accorpamento sembra inevitabile: istituire un reparto civile nell’ambito dell’Arma dei carabinieri che abbia peculiarità e specificità in ambito di polizia ambientale, o in alternativa lasciare la facoltà di transitare in altra forza di polizia civile. Altrimenti non ci resterà che la via del ricorso giudiziale, anche in chiave europea. Siamo pronti a tutto per bloccare questa scellerata riforma.

 

 

Sviluppato da Maxsos